Contenuto principale

Messaggio di avviso

avvisopubblico Il 16 giugno p.v. è in scadenza il pagamento dell'acconto per l'IMU 2020, in considerazione dell’emergenza epidemiologica Covid-19, si è a conoscenza che alcuni contribuenti, che si fanno assistere per il calcolo dell'IMU da Caaf e/o studi professionali, non saranno in grado di rispettare la scadenza del termine di versamento dell’imposta municipale propria (IMU).
In questi casi si ricorda che il commma 1 dell'art. 55 del Regolamento IUC al Titolo V - Dichiarazione, Accertamento e Riscossione- testualmente cita: Il Comune non procede all’accertamento, all’iscrizione a ruolo e alla riscossione dei crediti relativi ai propri tributi qualora l’ammontare dovuto, comprensivo di sanzioni amministrative e interessi, non superi, per ciascun credito, l’importo di euro 30, con riferimento ad ogni periodo d’imposta. Tale disposizione non si applica qualora il credito derivi da ripetuta violazione degli obblighi di versamento relativi ad un medesimo tributo.
Sarà quindi possibile effettuare il pagamento oltre il termine del 16 giugno fintanto che la differenza tra l'importo dovuto da versare e l'importo in ravvedimento non superi i 30 euro.
Trattandosi comunque sempre di un tributo dovuto in autoliquidazione spetterà al contribuente o al Caaf e/o studio professionale la verifica del rispetto della norma.
Quanto sopra esposto fa riferimento alla sola quota dell'IMU di competenza del Comune, resta esclusa pertanto la quota dell'IMU di competenza Statale.